Che inverter serve per alimentare un condizionatore d’aria?

Un inverter è un elettrodomestico estremamente utile che non solo ci aiuta a ottenere energia in caso di blackout, ma mantiene intatte anche le nostre importanti attività quotidiane. Anche se è risaputo che cose come lampadine, luci a tubo, ventilatori ecc. funzionano su inverter, ma per quanto riguarda il condizionatore d’aria? Un condizionatore d’aria è un elettrodomestico importante ed è necessario durante i mesi estivi. Durante le interruzioni di corrente la maggior parte delle persone non può utilizzare i vantaggi degli AC, ma bisogna sapere che anche questo apparecchio può funzionare su un inverter. Di seguito sono riportati alcuni punti che spiegheranno come far funzionare un condizionatore su un inverter.

Perché è necessario un inverter di potenza

Un condizionatore portatile, come quello appeso a una finestra, viene utilizzato per raffreddare una stanza o una dependance. I condizionatori d’aria portatili sono progettati per funzionare con corrente alternata o alternata. Tuttavia, se la stanza o l’edificio annesso che si intende climatizzare non dispone del servizio elettrico, è possibile scegliere di far funzionare il condizionatore d’aria utilizzando una batteria al piombo per impieghi gravosi insieme a un inverter di potenza.

Un condizionatore d’aria richiede alimentazione CA, che può fornire una combinazione di batteria/inverter.

Un condizionatore d’aria è progettato per funzionare con la tensione elettrica domestica (230 V). Sebbene una batteria al piombo possa fornire energia sufficiente per far funzionare un condizionatore d’aria, il condizionatore d’aria non può utilizzare direttamente la tensione più bassa (12 volt) o il tipo di corrente (corrente continua contro corrente alternata) fornita da una batteria.

Un inverter di potenza trasforma la corrente continua dalla batteria in una corrente alternata. Questa tensione CA viene quindi fatta passare attraverso un trasformatore per aumentare la tensione del segnale in modo che corrisponda alla tensione elettrica domestica.

  1. Comprendere prima le basi dell’inverter

È importante sapere che un inverter converte la corrente continua in corrente alternata in modo che i normali elettrodomestici possano funzionare.

Un inverter è fondamentalmente parte di un sistema a 12 volt CC.

Di solito sono necessari 11 ampere di alimentazione CC per far funzionare un apparecchio alimentato a corrente alternata da 1 ampere. Nel caso in cui tu disponga di un condizionatore d’aria a finestra da 5 ampere, in tal caso avrai bisogno di 55 ampere di alimentazione CC per far funzionare l’apparecchio continuamente.

Ma è importante sapere che quasi tutte le unità elettriche hanno un picco di avviamento che fa funzionare il motore.

Questo è 5 volte in più il carico elettrico continuo, il che significa che avrai bisogno di 275 ampere di alimentazione CC per avviare l’apparecchio di condizionamento d’aria da 5 ampere e quindi 55 ampere costanti per farlo funzionare continuamente.

Forma d’onda sinusoidale

La maggior parte degli inverter di potenza utilizza una delle due forme d’onda sinusoidali. L’onda sinusoidale pura o l’onda sinusoidale modificata, l’onda sinusoidale pura è un’opzione costosa ma più sicura. Soprattutto con i grandi condizionatori d’aria, consiglio vivamente di utilizzare inverter di potenza a onda pura.

Capacità di sovratensione

La capacità di sovraccarico è particolarmente importante nei condizionatori d’aria e nei frigoriferi. Abbiamo bisogno di un inverter di potenza in grado di gestire almeno il doppio della potenza richiesta dal condizionatore d’aria. Questo perché consuma il doppio della quantità di energia nella prima o due ore fino a quando la temperatura non è scesa a un certo livello.

  1. Il condizionatore d’aria

Un condizionatore d’aria ad alta capacità raffredderà una grande stanza; tuttavia assorbirà più energia elettrica di un condizionatore d’aria più piccolo. Ciò influirà sulla durata della batteria e potrebbe raffreddare in modo non uniforme la stanza o la dependance.

I condizionatori d’aria di dimensioni più piccole di solito hanno una gamma di 5000 BTU e utilizzano una potenza di circa 4-5 ampere per il funzionamento.

Ciò significa che se hai un condizionatore di dimensioni inferiori installato a casa, avrai bisogno di un inverter di dimensioni inferiori che non sarà molto costoso.

L’inverter fondamentalmente svolge il compito di trasferire una determinata quantità di potenza per far funzionare una determinata unità elettrica CA e questo include anche i condizionatori d’aria.

La maggior parte degli inverter riceve energia da una fonte come batterie o pannelli solari, energia idroelettrica o mulini eolici, ecc.

Ma queste fonti di alimentazione devono essere in grado di fornire anche la quantità richiesta di sovratensione oltre all’energia continua necessaria per mantenere in funzione il condizionatore d’aria.

  1. Ricarica inverter per condizionatori

Se stai utilizzando il tuo inverter per alimentare i condizionatori d’aria, devi sapere che avrai bisogno di batterie per caricare l’inverter. Dovrai cambiarli regolarmente.

Anche alcune altre fonti alternative possono essere utilizzate per la ricarica e alcune includono pannelli solari, pale eoliche e altri.

  1. Batteria di dimensioni maggiori

Se sei una persona che vuole far funzionare il tuo condizionatore d’aria sull’inverter, è importante ricordare che potresti aver bisogno di una batteria di dimensioni o capacità maggiori di quella che già hai. Se la capacità non è sufficiente, l’inverter non sarà in grado di gestire il carico.

A seconda della capacità di raffreddamento del condizionatore d’aria, il condizionatore d’aria può assorbire 1000 o più watt di potenza. Una batteria per autoveicoli può fornire circa 40 ampere di servizio (o 480 wattora). Una batteria per autoveicoli fornirebbe quindi circa 28 minuti di funzionamento (480 wattora/1000 watt) per il condizionatore d’aria.

Per alimentare il condizionatore d’aria per un periodo di tempo più lungo, scegli una batteria con una potenza nominale di ampere elevata. Ad esempio, una batteria da 255 ampere può fornire circa tre ore di funzionamento per un condizionatore d’aria da 1000 watt.