Cosa sono i supercaricatori Tesla per veicoli elettrici?

Un supercaricatore Tesla è una tecnologia per la ricarica rapida sviluppata dal produttore americano di auto Tesla Inc per le auto elettriche e introdotta nel mercato nel 2012 come “stazioni di supercarica”. L’impiego di una strategia di piattaforma proprietaria, come ha fatto Tesla, consente al proprietario della piattaforma di coordinare i due lati del mercato: la base installata di auto e la rete di stazioni di ricarica. Poiché possiede la rete di ricarica, Tesla può scegliere il prezzo (se rendere la ricarica gratuita e monetizzare solo l’auto), il numero di stazioni, i tempi di introduzione e la posizione.

La rete di supercaricatori Tesla nel mondo

A partire dal 18 febbraio 2021, Tesla gestisce oltre 23.277 Supercharger in oltre 2.564 stazioni in tutto il mondo (una media di 9 caricabatterie per stazione). Ci sono 1.101 stazioni in Nord America, 592 in Europa e 498 nella regione Asia / Pacifico. Gli stalli hanno un connettore per fornire energia elettrica a un massimo di 72 kW, 150 kW o 250 kW. Tesla Model S è stata la prima auto a poter utilizzare la rete, seguita dalla Tesla Model X, Tesla Model 3 e Tesla Model Y.

Alcune auto Tesla hanno accesso a questa sovralimentazione in modo gratuito per tutta la vita, alcune hanno 100-400 kWh all’anno, altre hanno un unico credito di 100-400 kWh e alcuni hanno un credito monetario. Eventuali addebiti vengono automaticamente fatturati sull’account Tesla a cui è associata l’auto. Se l’account non dispone di alcun credito, gli addebiti vengono automaticamente fatturati sulla carta di credito registrata per quell’account.

Oltre ai Supercharger, Tesla ha anche caricabatterie Tesla di destinazione, che si trovano in luoghi in cui un conducente potrebbe fermarsi per motivi diversi dalla ricarica, come hotel, ristoranti e centri commerciali. Questi caricabatterie sono più lenti (in genere 22 kW) dei supercaricatori e sono progettati per caricare le auto per diverse ore mentre il conducente svolge altre attività. A partire da settembre 2019, Tesla ha distribuito 23.963 caricatori di destinazione [10]) in tutto il mondo.

Tesla domina il mercato perché cura l’intera filiera

Negli ultimi anni, nonostante gli investimenti che ammontano a molti miliardi di dollari, nessuna delle principali case automobilistiche in carica sembra rappresentare una minaccia per il leader di mercato Tesla, che è diventato quasi sinonimo di veicoli elettrici. Ciò è sorprendente poiché ci si potrebbe ragionevolmente aspettare che una volta che le aziende con ricavi annuali superiori a $ 100 miliardi, profonda esperienza nella produzione e grandi quote di mercato abbiano rivolto la loro attenzione al mercato dei veicoli elettrici, il gioco sarebbe finito.

Il motivo per cui i consumatori scelgono ancora Tesla rispetto a prodotti come Audi eTron o attraenti veicoli elettrici dei marchi Buick, Cadillac, GMC e Chevy di GM è forse sorprendentemente semplice. Possono guidare le loro Tesla per lunghe distanze nella piena sicurezza di trovare posti convenienti in cui ricaricare il loro veicolo. Mentre le case automobilistiche in carica sono ancora concentrate strettamente sul perfezionamento delle loro auto elettriche, Tesla ha pensato all’intero sistema del veicolo, con l’obiettivo di risolvere le esigenze di guida principali dei consumatori.

L’auto come piattaforma

Un’auto crea valore per il suo proprietario quando è guidata, il che richiede il rifornimento di carburante. Le case automobilistiche di auto a benzina o camion non devono preoccuparsi di questo, poiché le stazioni di rifornimento sono abbondanti e facilmente accessibili. Hanno quindi costruito le loro strategie intorno a variabili di marketing standard: prodotto, prezzo, posizionamento, promozione. Costruisci una grande macchina (o camion), pubblicizzala pesantemente, offrila nei mercati giusti a un buon prezzo e il prodotto venderà. Non è così per un’auto elettrica.

Un’auto elettrica, infatti, richiede un’analisi del valore diversa. Le “stazioni di rifornimento” – ovvero le strutture di ricarica rapida per i veicoli elettrici sono agli inizi. Inoltre, la rete di stazioni di ricarica disponibili è fortemente frammentata tra proprietà e tecnologia. Negli USA, la successiva rete più grande, rispetto a Tesla, è grande solo il 10%. A meno che non acquisti una Tesla, hai poche opzioni per una pianificazione affidabile del percorso, un accesso garantito e una ricarica pubblica rapida.

Un’auto elettrica, quindi, è una buona piattaforma a due lati, essendo le due parti una base installata di acquirenti di auto e una vasta rete di stazioni di ricarica rapida multi-stallo geograficamente disperse. La vendita di auto elettriche richiede una solida rete di ricarica. Tuttavia, gli investimenti nella costruzione di una massiccia rete di ricarica hanno senso solo se c’è una base di utenti e una domanda sufficientemente ampia per questi caricatori. Tesla ha una rete del genere e quella di tutti gli altri è ridicola. Come è successo e cosa può insegnarci la storia di Tesla?

Le piattaforme hanno bisogno di reti

Nissan, con la scattante e relativamente economica Leaf, ha rubato un primo vantaggio nel mercato dei veicoli elettrici ed è stata l’auto elettrica più venduta dal 2011 al 2014. Nonostante questo vantaggio, Nissan non è riuscita a fornire una solida rete di ricarica rapida che ha lasciato gli acquirenti a fare affidamento su un numero limitato di stazioni di terze parti disponibili per tutte le marche.

L’approccio di Tesla era sorprendentemente diverso. Hanno iniziato con un prodotto di vanità, il Roadster, che li ha fatti decollare e ha generato alcune prime vendite. Sono quindi passati al rilascio della Model S nel 2012, che per i suoi pochi anni (2013-2015) ha avuto un periodo di attesa di circa un anno. Per supportare le auto, tuttavia, Tesla ha lanciato una rete proprietaria da costa a costa.

Quindi, sebbene Tesla abbia venduto solo poche migliaia di auto nei suoi primi anni, aveva costruito un’enorme rete. Ciò ha risolto il problema dell'”ansia da autonomia” dell’acquirente: nessuno che avesse preso in considerazione l’acquisto di una Tesla doveva preoccuparsi molto della ricarica.

La maggior parte delle case automobilistiche ha seguito l’approccio di Nissan e sta concentrando gli investimenti sulla realizzazione di auto elettriche migliori. Ma immagina se, invece di investire decine di miliardi di euro nella produzione di auto che non hanno modo di percorrere individualmente lunghe distanze, Audi, GM, Ford e gli altri spendessero ciascuno solo un miliardo di dollari per costruire una rete di stazioni di sovralimentazione.

Se le stazioni fossero posizionate correttamente, una rete di quelle dimensioni dovrebbe dare agli acquirenti sufficiente fiducia per scegliere un’auto in base alle sue caratteristiche invece che alle caratteristiche e alla rete di ricarica. Quindi le aziende potrebbero iniziare il lavoro per raggiungere volumi sostenibili, ridurre i costi e alla fine diventare seri concorrenti di Tesla.