Posso caricare le batterie LiFePO4 on un caricabatterie normale?

Come caricare una batteria LiFePO4? Questa è una delle domande più frequenti che riceviamo dai nostri clienti. La risposta è semplice: usa un caricabatteria LiFePO4, ovviamente. Quando si caricano le batterie LiFePO4, assicurarsi di non utilizzare un caricabatterie destinato ad altri prodotti chimici agli ioni di litio, che sono generalmente progettati con una tensione superiore a quella richiesta da LiFePO4. Spesso ci viene chiesto se è possibile utilizzare un caricabatteria piombo-acido per caricare il litio ferro fosfato. La risposta breve è sì, purché le impostazioni di tensione rientrino nei parametri accettabili delle batterie LiFePO4.

Perché evitare di caricare le Li-Fe-PO4 con un caricabatterie per le piombo acido

Alcuni caricatori al piombo fatto una sorta di “test” o “ping” alla batteria all’avvio per determinare la tensione/resistenza della batteria. Sulla base delle informazioni di ritorno, il caricabatterie determina quindi in quale fase di carica iniziare.

Poiché il litio manterrà una tensione superiore a +13 V, alcuni caricabatterie al piombo lo vedranno come una batteria quasi completamente carica ed entreranno in una fase di mantenimento e bypasseranno tutto lo stadio di carica insieme.

È possibile utilizzare un caricabatterie al piombo su una batteria al litio se lo si desidera, tuttavia non è necessario utilizzare un caricabatterie al piombo se ha una “modalità di equalizzazione” automatica che non può essere disattivata in modo permanente. Molti caricatori di piombo acido hanno in effetti l’equalizzazione come fase automatica che non può essere disattivata.

Quando queste fasi entrano in azione, praticamente tutte le batterie LiFePO4 di buona qualità sul mercato con un BMS interno entrano in modalità di protezione dalla disconnessione ad alta tensione a circa 15,0 V: la batteria si apre a circuito e il caricabatterie e tutti i carichi si scollegano prima di iniziare tutto da capo una volta ripristinato (se si ripristina automaticamente, non tutti i BMS lo faranno automaticamente).

Per coloro che non lo fanno, la batteria è a circuito aperto e spenta fino a quando non ti sei reso conto e agisci per ripristinarla. Per quelli che lo fanno, ottieni quindi uno scenario on/off/on/off per molte ore che porta a scarse prestazioni di carica e talvolta non esci mai da quelle fasi per molte ore.

Un caricabatterie piombo-acido che può essere impostato per una carica non superiore a 14,6 V può essere utilizzato per la ricarica regolare e quindi DEVE essere scollegato dopo che la batteria è completamente carica.

NON lasciare il caricabatteria piombo-acido collegato per mantenere o conservare la batteria, poiché la maggior parte NON manterrà l’algoritmo di carica della tensione corretto per le batterie al litio e si verificheranno danni alla batteria che non sono coperti dalla garanzia della batteria.

In definitiva, l’utilizzo di un caricabatteria con uno specifico algoritmo di carica al litio è l’opzione migliore per le massime prestazioni e durata di qualsiasi batteria al litio.

La corretta ricarica delle batterie al litio ferro fosfato (LiFePO4)

Il cambiamento può essere scoraggiante, anche quando si passa da una batteria al piombo-acido a una batteria al litio ferro fosfato. La corretta ricarica della batteria è fondamentale e influisce direttamente sulle prestazioni e sulla durata della batteria. Scopri come caricare la tua batteria LiFePO4 per massimizzare il tuo investimento.

Proprio come il tuo cellulare, puoi caricare le batterie al litio ferro fosfato quando vuoi. Se le lasci scaricare completamente, non sarai in grado di usarle fino a quando non si caricheranno. A differenza delle batterie al piombo, le batterie al litio ferro fosfato non si danneggiano se vengono lasciate in uno stato di carica parziale, quindi non devi preoccuparti di caricarle subito dopo l’uso. Inoltre non hanno un effetto memoria, quindi non è necessario scaricarle completamente prima di caricarle.

Le batterie LiFePO4 possono caricarsi in sicurezza a temperature comprese 0°C e 55°, tuttavia, si consiglia di caricare a temperature superiori a 0°C. Se carichi al di sotto delle temperature di congelamento, devi assicurarti che la corrente di carica sia il 5-10% della capacità della batteria.

Come caricare una batteria LiFePO4

Il modo ideale per caricare una batteria LiFePO4 è con un caricabatteria al litio ferro fosfato, in quanto verrà programmato con i limiti di tensione appropriati. La maggior parte dei caricabatteria piombo-acido farà il suo lavoro egregiamente. I profili di carica AGM e GEL in genere rientrano nei limiti di tensione di una batteria al litio ferro fosfato.

I caricabatteria al piombo umido tendono ad avere un limite di tensione più alto, che potrebbe causare l’attivazione della modalità di protezione del sistema di gestione della batteria (BMS). Questo non danneggerà la batteria; tuttavia, potrebbe causare codici di errore sul display del caricatore.

Caricare le batterie in parallelo

Quando si collegano le batterie al litio in parallelo, è meglio caricare ciascuna batteria singolarmente prima di effettuare i collegamenti in parallelo. Se hai un voltmetro, controlla la tensione un paio d’ore dopo il completamento della carica e assicurati che siano entro 50 mV (0,05 V) l’uno dall’altro prima di collegarle in parallelo.

Ciò ridurrà al minimo la possibilità di squilibrio tra le batterie e massimizzerà le prestazioni del sistema. Nel tempo, se noti che la capacità del tuo banco batterie è diminuita, scollega le connessioni parallele e carica ciascuna batteria singolarmente, quindi ricollegala.

Ricarica delle batterie in serie

Il collegamento delle batterie al litio in serie è molto simile al collegamento in parallelo, è meglio caricare ciascuna batteria singolarmente e controllare la tensione e assicurarsi che siano entro 50 mV (0,05 V) l’una dall’altra prima di effettuare i collegamenti in serie.

Si consiglia vivamente di caricare le batterie al litio in serie con un caricatore multibanco. Ciò significa che ogni batteria viene caricata contemporaneamente ma completamente indipendente dall’altra. In alcune applicazioni, questo non è pratico, motivo per cui esistono batterie da 24 V e 48 V per ridurre la necessità di più batterie in serie.

Come conservare le batterie FeLiPO4?

Le batterie al litio ferro fosfato sono molto più facili da conservare rispetto alle batterie al piombo. Per la conservazione a breve termine di 3-6 mesi, non devi fare nulla.

Idealmente, lasciarle a circa il 50% di stato di carica prima di riporle. Per la conservazione a lungo termine, è meglio conservarle a uno stato di carica del 50% e quindi ciclarle scaricandole, ricaricandole e quindi scaricandole parzialmente fino a circa il 50%, ogni 6-12 mesi.

Dunque è importante comprendere l’intervallo di tensione in cui opera ogni diverso tipo di batteria. Una batteria al piombo in genere sarà completamente carica a riposo a 12,6-12,8 V mentre una batteria LiFePO4 sarà 13,3-13,4 V.

Le batterie LiFePO4 funzionano in un intervallo di tensione molto ristretto con solo 0,5 V dallo stato di carica completo fino al 20%. Anche con uno stato di carica del 25% sarà ancora a circa 12,8 V, mentre una batteria al piombo con uno stato di carica del 25% è di circa 11,7 V con una gamma di oltre 1,1 V.