Posso collegare il carico alle batterie anzichè al regolatore di carica?

Sì. Il regolatore di carica si trova tra il pannello solare e la batteria. I regolatori di carica solare non producono energia, controllano l’energia! Un regolatore, infatti, controlla la carica della batteria. Non ha nulla a che fare direttamente con il carico. La batteria alimenta il carico tramite l’inverter. Il suo compito è fornire energia con o senza il pannello solare. Di solito i terminali di “carico” su un controller sono per elementi a bassissima potenza come una piccola lampada da 15 watt CC. È sempre meglio collegare il carico CC alla batteria. Oppure, se si dispone di carichi CA, collegare l’inverter alla batteria sugli stessi terminali del CC. Quindi va bene per il “carico” da collegare alla batteria anziché al controller di carica? Sì, è normale. Il carico dovrebbe però avere un fusibile e un interruttore.

I 4 componenti di un sistema fotovoltaico

Ci sono quattro componenti di un sistema fotovoltaico a corrente alternata (AC). Sono: un array fotovoltaico, un regolatore di carica, una batteria e un inverter. Il regolatore di carica non fornisce AC.

Un sistema CC ad isola con carichi CC non ha inverter. I carichi possono utilizzare l’energia controllata in tensione dal regolatore di carica per alimentare un carico CC. Se non c’è raccolta solare, la batteria da sola fornisce energia ai carichi e il regolatore di carica non ha nulla a che fare con questo processo.

In un sistema fotovoltaico CA con batterie (on o off-grid), l’array fornisce energia dal sole. Il regolatore di carica impedisce all’energia dell’array di danneggiare la batteria e migliora l’efficienza della raccolta solare.

La batteria immagazzina energia. Infine l’inverter converte l’energia della batteria in AC per i carichi. Finché la batteria ha energia sufficiente, immagazzinata o in entrata dal campo fotovoltaico, l’inverter può fornire CA ai carichi. Il regolatore di carica non è coinvolto se non per stare tra l’array fotovoltaico e la batteria.

È sicuro collegare i carichi direttamente al controller?

Non è possibile collegare elettricamente i carichi “direttamente al controller”. Non cambierà la funzione a causa del posizionamento delle connessioni.

Considerando che i carichi possono avere richieste di corrente diverse da quelle che il sistema di ricarica può fornire, è meglio collegare i carichi alla batteria tramite i propri fusibili.

Ad esempio, un controller di carica da 60 Amp può emettere 60 Amp, ma un inverter può assorbire più di 100 Amp: il cablaggio dal controller alle batterie potrebbe essere insufficiente per gestire l’assorbimento dell’inverter (o altro).

Ci sono controller che hanno terminali “LOAD”. Sono pensati per carichi CC a bassa corrente e di solito hanno funzioni come la disconnessione di bassa tensione o il collegamento di scarsa illuminazione su di essi. Non sono pensati per inverter o carichi che possono superare la corrente nominale (che di solito è la stessa che il controller può emettere).

Non otterrai nulla collegando i carichi ai terminali di uscita del controller di carica piuttosto che alle batterie “direttamente”.

Senza il collegamento alle batterie, un controller di carica non emetterà una tensione costante e potrebbe non funzionare affatto.

Devo collegare il mio inverter alla batteria o al regolatore di carica?

A seconda del carico previsto, molti inverter 12DC/230 Vac assorbono ampere elevate. Un piccolo forno a microonde da 700 W, ad esempio, assorbirà facilmente 1000 W. Ciò equivale a ca. 77 ampere a 13 Vdc.

Per questo motivo, l’inverter deve essere collegato direttamente alla batteria (compreso il fusibile). L’inverter e la batteria devono essere il più vicini possibile l’uno all’altro e avrai bisogno di una dimensione minima del cavo di #4.

Le funzioni chiave dei regolatori di carica sono:

  • Proteggere la batteria dal sovraccarico limitando la tensione di carica
  • Proteggere la batteria da scariche profonde e/o indesiderate. Il regolatore di carica disconnette automaticamente i carichi…
  • Prevenire la corrente inversa attraverso i moduli fotovoltaici di notte
  • Fornire informazioni sullo stato di carica della batteria.

I due elementi, inverter e carica/regolatore siano unità separate e dovrebbero essere trattati separatamente. Quindi l’inverter è collegato direttamente alla batteria. Quindi la batteria non ha punti deboli lungo il suo percorso.

Molto probabilmente, se il controller avesse un ampio margine per la capacità di corrente, ma la maggior parte dei produttori di apparecchiature acconsente esplicitamente, non farlo. Lo spunto o il picco di avviamento di inverter o motori non vanno bene per questi, per quanto ne so.

Non a caso, alcuni regolatori di carica non hanno alcun carico in uscita, solo su + e – sul pannello fotovoltaico e su + e – sulla batteria. L’unico effetto collaterale è che il regolatore di carica non mostra gli ampere assorbiti dai carichi. Non è un grosso problema.

Infatti, basta non usare il controller di carica per monitorare il consumo di energia (solo per la ricarica), ma mi dice la tensione della batteria e gli ampere della velocità di carica solare, semplicemente non legge le informazioni sul carico. Per quelli userò un monitor acquistato a parte.

Non c’è magia per ottenere energia dai pannelli per andare direttamente ai carichi/inverter. Se il controller è collegato alla batteria o a qualsiasi altro terminale di cablaggio sulla linea della batteria, l’alimentazione fotovoltaica fluirà a tutto ciò che è collegato, luci, inverter, tutto.

È come arieggiare tutte le gomme della tua auto da un punto (controllore) se ci fosse un tubo che collega tutti gli steli delle valvole (cablaggio), saranno alla stessa pressione, anche se fai un buco in uno di essi (inverter) .

Senza la batteria in linea, ogni volta che il carico supera la potenza fotovoltaica disponibile, il carico subirà bassa tensione e alta corrente e molti componenti elettronici si spegneranno se non danneggiati (protezione LVD) da questo trattamento.