Qual è la differenza fra casa passiva e nZEB?

Le cosiddette “case passive” riducono l’impronta ambientale, risparmiano energia e utilizzano le nostre risorse naturali in modo efficace per ridurre gli sprechi. I “Near Zero Energy Building” (nZEB) giocano un ruolo importante nella progettazione di una casa passiva. Il rispetto degli standard e dei progetti nZEB garantisce che una casa sia una casa passiva. Chiaramente, nZEB e Passive Houses hanno alcune somiglianze chiave e funzionano bene nella creazione e nel mantenimento di una vita sostenibile. Ma è importante capire la differenza.

Definizioni di casa passiva e di nZEB

L’International Passive House Association definisce i “Near Zero Energy Building” (nZEB) come edifici a energia quasi zero. Un nZEB, per definizione, è un “edificio che ha una prestazione energetica molto elevata in cui la quantità quasi zero o molto bassa di energia richiesta dovrebbe essere coperta in misura molto significativa da energia da fonti rinnovabili inclusa l’energia da fonti rinnovabili prodotte in loco o nelle vicinanze ”. Gli edifici nZEB sono progetti economici ed efficienti dal punto di vista energetico che e hanno un’enorme attenzione alla sostenibilità, quindi naturalmente vanno di pari passo con le case passive.

Nel frattempo, un edificio casa passiva (Passivhaus), per definizione, è “un edificio con un risparmio energetico relativo al riscaldamento e al raffreddamento fino al 90% rispetto al patrimonio edilizio tipico e oltre il 75% rispetto alle nuove costruzioni medie. In termini di gasolio da riscaldamento, gli edifici Passivhaus consumano meno di 1,5 litri per metro quadrato di superficie abitabile all’anno”.

Una casa passiva (o Passivhaus) è l’implementazione degli standard nZEB. È stata provata e testata per oltre 25 anni per un’efficienza e una sostenibilità ottimali. Una casa passiva deve concentrarsi sulle energie rinnovabili, massimizzare l’efficienza energetica ed essere ottimale in termini di costi. Le case passive sono migliori per l’ambiente, migliori per il tuo portafoglio e offrono uno standard di vita migliore.

L’assenza di uno standard nZEB

Anche se attualmente non esiste uno “standard nZEB”, esiste al contrario uno standard per le case passive. Ciò significa che una Passivhaus è chiaramente definita. Una Passivhaus deve seguire una formula precisa che incarni le qualità nZEB. nZEB e Passive Houses hanno entrambe la sostenibilità al centro. Una delle cose migliori dello standard Passivhaus è che esso è pubblico e gratuito e può essere applicato a qualsiasi clima. Quindi è possibile per tutti ottenere una Passivhaus e ridurre il proprio impatto ambientale.

Il settore delle costruzioni ha un ruolo enorme da svolgere nella riduzione del suo impatto ambientale se vogliamo avere la possibilità di ridurre, preparare e combattere gli effetti del cambiamento climatico. Per ottenere una riduzione del 20% dei gas a effetto serra e un miglioramento del 20% delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica entro il 2020, gli standard nZEB devono essere soddisfatti in tutte le costruzioni. È importante per proteggere il futuro del nostro ambiente per le generazioni a venire.

Altre differenze fra case passive e nZEB

Quali sono le altre differenze tra nZEB e casa passiva? Ovviamente, entrambi i sistemi costruttivi sono fortemente focalizzati sul risparmio energetico e sulle alte prestazioni energetiche. È facile confondere i due, ma vi sono varie altre differenze oltre all’assenza di uno standard per i nZEB:

Normativa legale

In primo luogo, nZEB è diventato un requisito legale ai sensi della direttiva UE. Dopo il mese di aprile 2019, tutti i permessi di pianificazione dovranno essere conformi ai nZEB.

Riduzione energetica vs Creazione

Sebbene le case nZEB riducano naturalmente l’energia e abbiano prestazioni energetiche incredibilmente elevate, il loro obiettivo è produrre tanta energia quanta ne viene consumata. Questa produzione di energia non è una caratteristica della Passivhaus, che punta molto sulla riduzione energetica e sull’utilizzo di fonti rinnovabili per colmare il gap energetico. Per questo motivo, i livelli di prestazione energetica in una casa passiva possono essere più alti che in una casa nZEB.

Regolamento edilizio

C’è una leggera differenza nei regolamenti edilizi per nZEB e Passivhaus a causa del focus sulla riduzione energetica nella casa passiva. Le normative nZEB variano in base allo stato dell’edificio, ma generalmente per quanto riguarda la trasmittanza termica sono le seguenti, e possono essere confrontate con i requisiti richiesti per una casa passiva,

Raggiungere nZEB attraverso la casa passiva

Poiché l’efficienza energetica consiste nella riduzione dei consumi e nella riduzione delle emissioni di gas serra, lo standard Passivhaus è emerso come un fattore chiave per raggiungere il livello Nearly Zero Energy Building (nZEB). La combinazione della casa passiva con le rinnovabili rappresenta una soluzione adeguata per passare a basse / zero emissioni di carbonio.

Le case passive, infatti, puntano sul risparmio energetico anziché sulla produzione di energia, che è anche la strada tracciata dalla normativa europea e dagli obiettivi ambientali. Una casa passiva è progettata per avere un fabbisogno energetico il più basso possibile. Con una quantità così ridotta di energia da fornire, è più facile soddisfare la successiva domanda con fonti rinnovabili.

Il settore delle rinnovabili, pur essendo parte vitale della soluzione complessiva, è ancora interessato da alcune questioni fondamentali. Sebbene sia possibile (ma potenzialmente costoso) dimensionare un sistema di energia rinnovabile per affrontare il divario energetico, rimangono questioni come il divario stagionale. Questa è l’incapacità di immagazzinare l’energia in eccesso generata in estate (specialmente quella prodotta attraverso il solare fotovoltaico) per l’utilizzo durante il periodo invernale quando la domanda di energia è più alta.

Per questo motivo, la combinazione di standard a basso consumo energetico come la casa passiva, insieme alle rinnovabili, rappresenta l’abbinamento perfetto. Comporta minori costi (riducendo i costi di capitale e di manutenzione associati alle energie rinnovabili) e risolve i problemi legati allo stoccaggio di energia e agli inevitabili gap stagionali.